crostata-integrale-alle-mandorle-e-pere
TEMPO PREPARAZIONE
30 minuti
TEMPO COTTURA
1 ora
PERSONE
8
DIFFICOLTÀ
media

INGREDIENTI
200 g Farina biologica tipo 2 Almaverde bio 
50 g farina di grano saraceno integrale biologica Almaverde Bio
40 g mandorle biologiche Almaverde Bio 
100 g burro
100 g zucchero di canna
1 uovo
½ cucchiaino di lievito per dolci
2 pizzichi di sale fino
130 g confettura di fichi
3 pere
2 cucchiai di mandorle a filetti 


PREPARAZIONE

  1. Versate in un mixer, o in una planetaria, le farine, il lievito, il sale ed il burro freddo tagliato a dadini. Appena il composto diventa tipo sabbia bagnata unite lo zucchero, l'uovo sbattuto e le mandorle tritate finemente. 
  2. Trasferite il composto in una ciotola ed impastate per ottenere un panetto liscio. Avvolgete la frolla in una pellicola e lasciatela riposare in frigorifero per 30 minuti. 
  3. Imburrate abbondantemente una teglia da crostata da 24 cm. Togliete la frolla dal frigorifero stendetela con il mattarello poi adagiatela sulla teglia fino a coprire anche i bordi. Se preferite potete stendere la pasta a mano direttamente dentro la teglia. 
  4. Bucherellate la frolla con i rebbi di una forchetta, copritela con carta forno coprendo bene anche i bordi e riempite con dei legumi secchi. Infornate a 180 gradi per 25 minuti. Sfornate la frolla, eliminate i legumi e la carta forno ed infornate di nuovo per 10 minuti a 180 gradi. Formate delle grandi polpette poi schiacciatele leggermente fino a formare un mini burger.
  5. Nel frattempo sbucciate le pere e tagliatele a fettine. Versate la confettura di fichi sul guscio di frolla ed aggiungete le fette di pere. Aggiungete le mandorle a filetti ed infornate a 170° per circa 50 minuti.
Un'idea in più:

potete utilizzare la confettura o la marmellata che preferite, albicocche pesche ciliegie arance...
I legumi utilizzati per la cottura alla cieca non possono essere mangiati, ma possono essere conservati e riutilizzati per effettuare altre cotture alla cieca. Se non avete legumi secchi potete appoggiare sopra la frolla una teglia dal diametro più piccolo.

Ricetta realizzata in collaborazione con Bettina in Cucina